Germania, gli alleati segnano 30 anni dalla caduta del muro di Berlino

La Germania ha indicato il 30 ° sabato commemorativo dell’apertura del muro di Berlino, un momento cruciale nelle occasioni che hanno ridotto il comunismo nell’Europa orientale.

Pionieri di Germania, Polonia, Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca andarono a un servizio a Bernauer Strasse – dove rimane uno degli ultimi pezzi del muro di Berlino – prima di mettere le rose nel temibile confine che aveva diviso la città per lungo tempo .

“Il muro di Berlino, donne e uomini della loro parola, è storia”, ha detto in seguito il cancelliere tedesco Angela Merkel in un’amministrazione di dedica all’interno di una chiesetta vicino a dove un tempo sorgeva il muro. “Ci mostra: nessun divisore che tiene fuori le persone e limita le opportunità è così alto o così ampio che non può essere separato.”

Notando la brutalità del sistema della Germania dell’Est – che aveva demolito una cappella passata sul precedente sito di passaggio in modo che i fucilieri potessero mostrare segni di miglioramento spararono a persone che scappavano verso l’Occidente – Merkel ha reso omaggio alle persone che sono state assassinate o detenute durante il fascismo comunista e ha chiesto che la battaglia per le opportunità in tutto il mondo non sia finita.

“Siamo privati ​​delle ragioni, messi alla prova per fare la nostra parte per opportunità e governo di maggioranza”, ha detto.

In un annuncio del suo ufficio, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è complimentato con la Germania per la sua commemorazione, affermando che “i valorosi della Germania orientale e occidentale si sono uniti per demolire un divisore che è rimasto come immagine di persecuzione e bombardato il comunismo per oltre un quarto di secolo “.

“Gli Stati Uniti, i nostri partner e complici continuano a perseverare nella nostra costante devozione nel promuovere gli standard di libertà e opportunità individuali che hanno supportato l’armonia e generato un successo senza pari”, ha aggiunto.

Rivolgendosi ai pionieri europei di Bernauer Strasse, leader del sito dedicato alla dedicazione del Muro di Berlino, Axel Klausmeier, ha rivisto le immagini dei berlinesi storditi da est e ovest singhiozzando lacrime di gioia mentre si abbracciavano la notte del 9 novembre 1989.

Il crollo del muro di Berlino è stato in gran parte realizzato da silenziosi combattimenti e da un’inondazione di persone in fuga dalla Germania dell’Est che hanno accumulato peso sul governo comunista della nazione per aprire la sua periferia verso l’Occidente e infine porre fine alla divisione postbellica del paese.

Trent’anni dopo, la Germania ha ottenuto il potere finanziario e politico più dominante sulla terraferma, tuttavia rimangono alcuni dubbi profondi tra alcuni nella nazione su come sia stato supervisionato il progresso dal comunismo alla libera impresa.

Copertura completa: caduta del muro di Berlino

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha riconosciuto questo in un incontro in corso con il giorno per giorno Sueddeutsche Zeitung, dicendo che “con certe cose, dove si potrebbe pensare che Oriente e Occidente si sarebbero adattati, si può vedere oggi che potrebbero volerci 50 anni o più “.

Ha inoltre rivisto che il 9 novembre rimane un appuntamento completo nella storia tedesca, poiché allo stesso modo indica la commemorazione della presunta Notte del vetro rotto, nemico del massacro ebraico nel 1938 che prefigurò l’Olocausto nazista.

Stabilimenti luminosi, spettacoli e discussioni aperte sono stati organizzati in tutta la città e in diversi pezzi della Germania per controllare la caduta del muro, incluso uno spettacolo alla famosa Porta di Brandeburgo di Berlino.

Tra le persone che erano venute a Berlino per festeggiare c’erano persone del Trabant Club Middle Hesse, un’affiliazione che avanza il vecchio veicolo della Germania orientale, caldamente noto come Trabi.

Jens Schmidt, che è fuggito dalla Germania dell’Est prima della caduta del Muro guidando il suo Trabi in Ungheria e in seguito alla periferia aperta verso l’Ovest, ha detto che il club ha numerosi individui giovani per i quali capire come riparare i veicoli di base per quanto durevoli possa essere un esercizio di storia e educazione civica.

“Il cameratismo”, ha detto. “Era più radicato in quei giorni.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *