Ballerino irlandese che si esibirà per l’ultima volta dopo una tragica diagnosi incurabile

Annabelle Nunnery è una ballerina irlandese competitiva che ha girato il mondo con Lord of Dance di Michael Flately.

Ma una diagnosi schiacciante di una malattia invisibile spaventosa significa che la 24enne ora sta lottando per porre fine alla sua carriera di ballerino su una nota alta – e non è stato facile.

Nonostante il dolore intenso causato dalla sua malattia, Annabelle di Liverpool è determinata a competere nei Campionati del mondo 2020 – anche se sa che sarà la sua ultima competizione.

“Ho dovuto allenare la mia mente e il mio corpo per essere forte e combattere una condizione in me”, afferma Annabelle su Metro.co.uk. “Le malattie invisibili sono difficili da capire per gli estranei e ancora più difficili da accettare per la vittima.

“La diagnosi di una malattia incurabile ha cambiato radicalmente la mia vita, ma il mio obiettivo è usare le difficoltà che ho incontrato per aiutare gli altri e ispirare fiducia in se stessi.

“Voglio che il mio dolore significhi qualcosa e abbia valore per gli altri.”

Annabelle ha iniziato a manifestare strani sintomi per la prima volta nel 2016. I suoi piedi hanno iniziato a prudere di notte. Era così intenso che la teneva sveglia e ha dovuto immergere i calzini nell’acqua ghiacciata per cercare di alleviare le ustioni. Ha anche provato a dormire con i piselli congelati in piedi.

Completamente incapace di dormire, Annabelle era sopraffatta ed esausta. Andò dal suo medico di famiglia cinque volte per cercare di ottenere una risposta, ma i suoi sintomi rimasero un mistero.

Annabelle con il suo ragazzo che è anche una ballerina irlandese (Foto: Annabelle Nunnery)

“Ho capito che il dolore era peggiore a riposo, quindi ho lavorato il mio turno di 12 ore come cameriera e durante l’ora di pranzo, ho camminato per Liverpool perché avevo paura di non muovermi”, dice.

Le cose si intensificarono rapidamente e Annabelle avvertì altri sintomi: i suoi piedi erano insensibili, non era in grado di trattenere correttamente gli oggetti, aveva formicolio alle labbra e alle mani, aveva tremori interni e estrema fatica. È persino crollato.

“Ci sono voluti un anno intero di test, risonanza magnetica, aghi, cambio di consulenti e ospedali per ottenere finalmente una diagnosi.

“Quasi un anno al giorno dei miei primi sintomi, mi è stata diagnosticata una neuropatia periferica a piccole fibre (SFPN), essenzialmente un danno ai nervi incurabile”, afferma Annabelle.

Annabelle con sua mamma (foto: Annabelle Nunnery)

La diagnosi è stata un duro colpo. La danza era, ed è tuttora, il mondo di Annabelle.

È una ballerina irlandese competitiva da quando aveva sei anni. Ha partecipato più volte ai Campionati del mondo e ha ottenuto un lavoro con Lord of Dance Michael Flately nel West End e in viaggio verso l’Europa orientale.

Dopo la laurea, Annabelle si è iscritta a una scuola di danza altamente competitiva a Wolverhampton – dove frequenta ancora oggi. Viaggia due ore a tratta, quattro volte alla settimana per andare a scuola.

“Ci alleniamo come atleti olimpici”, afferma. “I nostri corsi vanno da tre ore a sei ore alla volta, con poco tempo per le pause. Ho un personal trainer, pratico anche a casa e partecipo a una sessione di stretching aggiuntiva ogni settimana per migliorare la mia tecnica e le mie abilità di ballo. “

Da quando si è iscritta alla scuola, Annabelle ha migliorato la sua classifica da solista al 23 ° posto nel mondo, è l’attuale campionessa del Nord Ovest e faceva parte di una squadra che si è classificata 3a ai Campionati del Mondo e era il campione nazionale del Nord America.

Annabelle con la sua prima insegnante di danza (Foto: Annabelle Nunnery)

Ma SFPN ha cambiato tutto. Dalla sua diagnosi, Annabelle ha dovuto cambiare il modo in cui si allena e balla – non è fisicamente in grado di fare le cose che era solita fare.

“La mia coreografia è stata radicalmente cambiata perché ho difficoltà a eseguire determinati movimenti a causa dell’intorpidimento e della mancanza di sensibilità nei miei piedi”, dice Annabelle.

“Alcuni giorni scherziamo sul fatto che le mie gambe” non funzionano “perché ballo così male e senza controllo che non sono in grado di suonare. Sono stato costretto a non partecipare ai campionati mondiali del 2019 perché una nuova regola prevedeva che i ballerini in cima al 50% dovessero competere in due giorni di competizione.

“Soffro di stanchezza intensa, il che significa che alcuni giorni devo fare una pausa per salire le scale e non posso ballare per due giorni consecutivi.

“Sono stato ovviamente devastato dal fatto che questa opportunità di competere in America, sul palcoscenico mondiale, sia stata presa da me – nessuna colpa mia”.

Annabelle (a sinistra) con Lord of the Dance (Foto: Annabelle Nunnery)

Il dolore nelle sue condizioni può essere incredibilmente intenso. Annabelle vuole lavorare per promuovere una migliore comprensione e consapevolezza delle malattie invisibili.

“Prima della mia diagnosi, la mia famiglia e i miei amici hanno avuto difficoltà a capire”, dice. “Non sono mai riuscito a spargere la voce per spiegare come mi sentivo e l’intensità del dolore.

“Qualche settimana fa, sono stato schizzato sulla strada di casa con il mio ragazzo su un autobus che stava attraversando una pozzanghera e il dolore che ha causato ai miei piedi mi ha fatto piangere. Devo stringere i denti per farmi la doccia, dormire con le macchie fredde sui piedi, agitare così tanto che non riesco a scrivere – ma queste sono cose che la gente non vede. “

Annabelle non è estranea alla depressione. Quando la sua scuola di danza locale ha chiuso nel 2015, è stata gravemente colpita da problemi di salute mentale per sei mesi. In questo periodo era quasi impossibile continuare ad allenarsi e giocare, ma la sua passione la spinse a continuare.

di più: salute

Ma di fronte alla sua malattia incredibilmente debilitante, Annabelle afferma che è l’influenza positiva delle persone intorno a lei che la tiene in vita.

“Guardare il mio ragazzo e i miei amici competere mi ha dato una spinta”, dice Annabelle. “Attualmente sto cercando di allenare il mio corpo e la mia mente per esercitarmi e ballare per due giorni al meglio delle mie capacità. Se tutto procede come previsto quest’anno, potrei ballare nove volte in due giorni. ”

La danza irlandese è il primo amore di Annabelle. E, qualunque sia la difficoltà della sua nuova condizione, cerca di trovare la forza per adattarsi e competere al meglio delle sue nuove abilità.

“Lavoro incredibilmente duramente nella mia danza e ho sacrificato molto da bambino, adolescente e ora adulto per la danza irlandese e la ricerca del successo”, dice. “Adoro le sfide che comporta, perché nessun ballerino è mai perfetto, e sono eternamente grato per le amicizie che ho stretto attraverso la danza irlandese.”


Donna forte

Strong Women è una serie settimanale che difende la diversità nel mondo dello sport e del fitness.

Uno studio di Sport England ha scoperto che il 40% delle donne ha evitato l’attività fisica per paura del giudizio.

Ma, a differenza delle immagini limitate che vediamo così spesso, le donne di tutte le età, dimensioni, gare e abilità possono essere attive e praticare sport e fitness.

Speriamo che standardizzando varie rappresentazioni di donne in forma, forti e amanti del corpo, potremo dare a tutte le donne la possibilità di perdere la consapevolezza di sé quando si diventa attivi.

Ogni settimana parliamo con donne che stanno ridefinendo ciò che significa essere forti e fare cose straordinarie.

PLUS: “La mia diagnosi di carcinoma polmonare terminale mi ha fatto sentire grato solo per la vita che avevo”

ALTRO: il ballerino di 82 anni supera l’esame di terza media: “Finché posso ancora stare in piedi su due gambe, non riesco a immaginare di fermarmi”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *