Wed. Nov 25th, 2020

Il primo caso di coronavirus è stato confermato in Scozia in quanto il Regno Unito vede un grande balzo nel numero di casi

Il governo scozzese ha affermato di essere ben preparato a far fronte a una potenziale epidemia. (Foto: Getty / PA)

Il primo caso di coronavirus è stato confermato in Scozia, ha annunciato stasera il governo scozzese.

La paziente, di Tayside, era tornata di recente dall’Italia.

Viene dopo che altre 700 persone sono state testate per il coronavirus in Scozia, il resto è negativo.

Tuttavia, 12 nuovi pazienti sono stati identificati in Inghilterra, portando il totale del Regno Unito a 35.

I turisti indossano maschere quando visitano il Castello di Edimburgo il 24 gennaio (Foto: Getty)
Glasgow Royal Infirmary Coronavirus Analysis Laboratory (Foto: PA)

Il governo scozzese ha affermato di essere ben preparato a far fronte a una potenziale epidemia.

I funzionari sanitari in Scozia dovrebbero iniziare a testare alcune persone con sintomi simil-influenzali per il virus anche se non hanno visitato le aree interessate.

La dottoressa Catherine Calderwood, capo medico scozzese, ha dichiarato: “La Scozia è ben preparata per una grave epidemia di coronavirus, ma al momento non esiste alcun trattamento o vaccino. Le misure di diagnosi precoce saranno essenziali per aiutare a prevenire la diffusione del virus in caso di epidemia.

“Gli ospedali e i medici generici testeranno ora alcuni pazienti con tosse, febbre o mancanza di respiro, indipendentemente dal fatto che siano andati in un luogo in cui è noto che il virus si diffonda.

“Non tutti i soggetti con influenza saranno sottoposti a test, ma è una misura precauzionale ragionevole avvisarci tempestivamente della trasmissione della comunità.

“ Le persone hanno un ruolo vitale da svolgere nell’aiutarci a contenere qualsiasi epidemia seguendo gli ultimi consigli sulla salute e sui viaggi e seguendo le precauzioni igieniche di base, come lavarsi le mani frequentemente, senza toccarsi il viso. e coprire naso e bocca con un fazzoletto quando si tossisce o si tossisce. starnuti.

Il tecnico del supporto clinico Douglas Condie estrae i virus dai campioni di tampone in modo che la struttura genetica di un virus possa essere analizzata e identificata nel laboratorio di test del coronavirus della Glasgow Royal Infirmary (foto: PA)

Il rafforzamento del regime di screening è stato descritto come misura precauzionale, ma si ritiene che aiuti a rilevare in caso di epidemia in Scozia.

Usando le misure di sorveglianza del SSN esistenti, una rete di 41 studi di medici generici inizierà a inviare campioni ai pazienti che riportano sintomi come tosse, febbre o mancanza di respiro.

Inoltre, i pazienti con polmonite nelle unità di terapia intensiva saranno testati per il virus.

Il numero di persone infette dal virus è aumentato a oltre 86.000 in tutto il mondo e ci sono stati più di 2.900 decessi, la maggior parte dei quali in Cina.

Il governo scozzese ha implementato una serie di misure, incluso l’addestramento del personale del servizio di ambulanza scozzese per supportare il trasporto di pazienti che potrebbero essere infettivi e ha fornito per precauzione maschere facciali ai medici di medicina generale.

Il segretario alla salute Jeane Freeman ha dichiarato: “ In Scozia abbiamo una comprovata esperienza di gestione di problemi di salute difficili e, sebbene tutti i test siano stati finora negativi, è molto probabile che noi vedrà un caso positivo non appena il coronavirus continua a diffondersi. il mondo.

“Come parte dei nostri sforzi, stiamo collaborando con il governo britannico, il Galles e l’Irlanda del Nord per pubblicare una risposta coordinata nei prossimi giorni.

“Il personale, le agenzie e i partner chiave del governo scozzese stanno intensificando gli sforzi per far fronte alle potenziali conseguenze di un’epidemia di coronavirus. Ciò comporta la definizione delle priorità delle attività chiave in modo che la Scozia continui a funzionare se la situazione cambia, ma anche la garanzia che tutti i settori possano svolgere il proprio ruolo nella gestione della risposta. “

Ha aggiunto: “ Continueremo ad assicurarci di essere il più preparati possibile per la probabilità di casi di coronavirus in Scozia e continueremo a lavorare con i consigli sanitari, le autorità locali e altri governi in tutto il Regno Unito Uniti per assicurarsi che i piani e i preparativi siano in atto per rispondere. “