Virus, in arrivo la proroga dello stato di emergenza: ecco cosa significa

Nuova scadenza già la prossima settimana

La proroga potrebbe arrivare già la settimana prossima: il 14 luglio scadrà il Dpcm attualmente in vigore, quello che contiene tra l’altro le modalità d’ingresso in Italia e la sospensione delle crociere. É molto probabile, dicono fonti di governo, che possa essere quella l’occasione per definire la proroga, riordinare le norme attualmente in vigore e per una “messa a sistema” delle modalità di ingresso nel nostro paese, anche alla luce dell’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza che giovedì ha stabilito il divieto d’ingresso per chi proviene da 13 paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù e Repubblica Dominicana. Un elenco che potrebbe allungarsi se la situazione peggiorasse anche in altri paesi.

(Articolo aggiornato l’11 luglio alle ore 11,11)

Preoccupano i numeri del coronavirus nel mondo

L’avanzare esponenziale del coronavirus nel mondo e i casi di importazione dal Bangladesh, dove al 10 luglio si contano ben 115 contagi, ha spinto il Comitato tecnico scientifico e il ministero della Salute a invocare la proroga. Sotto la lente i casi di importazione che vengono sempre più filtrati negli scali aeroportuali e hanno spinto il ministro della Salute Roberto Speranza a bloccare ingresso e transito in Italia da 13 Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Il timore resta quello di una seconda ondata in autunno, alla quale mettere freno con dpcm e ordinanze per contenere subito eventuali focolai.

Cosa consente la proroga dello stato di emergenza

Lo stato d’emergenza consente di emanare disposizioni rapidamente, anche in deroga alle norme vigenti. Crea lo scenario in base al quale varare nuovi Dpcm. Basta ricordare le misure di lockdown adottate dal governo, immediatamente operative con un semplice Dpcm, senza dover passare attraverso l’esame del Parlamento. Potranno essere prorogate, tramite nuovi decreti, anche le misure sullo smart working della Pubblica amministrazione o quelle di affidamento di appalti con percorsi smart. La proroga dell’emergenza consente anche, in caso di una seconda ondata di Covid, di rendere agile l’apertura di posti letto in alberghi o caserme. Anche la Protezione civile potrà continuare ad acquistare mascherine e dispositivi di protezione senza dover affrontare le complesse procedure di gara, che frenerebbero gli acquisti più urgenti.

Acquisti più veloci anche per le mascherine per la scuola

Procedure rapide anche per gli acquisti necessari al nuovo incarico di Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia e commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 e, da pochi giorni, chiamato anche a gestire il ritorno degli studenti nelle scuole. Solo per tornare in classe il commissario ha calcolato che ci vorranno dieci milioni di mascherine al giorno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *