Decreto di agosto, forti tensioni sulla proroga della CIG e blocco dei licenziamenti

pacchetto di lavoro

Il riferimento alla perdita di fatturato di almeno il 20% tra il primo semestre 2020 e il 2019 come condizione per l’accesso senza oneri economici alla seconda tranche di 9 settimane di cassa integrazione Covid rischia di escludere settori in difficoltà

di Giorgio Pogliotti

Lavoro: 60.000 posti di lavoro “ fissi ” persi, donne allarmate

Il riferimento alla perdita di fatturato di almeno il 20% tra il primo semestre 2020 e il 2019 come condizione per l’accesso senza oneri economici alla seconda tranche di 9 settimane di cassa integrazione Covid rischia di escludere settori in difficoltà

3 ‘letto

In vista del decreto di agosto, stanno già emergendo alcune criticità sul pacchetto di misure sul lavoro, a partire dal riferimento a una perdita di fatturato di almeno il 20% tra la prima metà del 2020 e il 2019 come condizione accesso alla seconda cassa integrazione di 9 settimane Covid. Dubbi anche sulla prevista proroga fino al 31 dicembre del blocco della mobilità per i datori di lavoro chiamati a versare il contributo aggiuntivo per l’utilizzo del fondo Covid.

Il nodo del riferimento all’unico principio del minor turnover

La prima bozza di decreto legge (vedi ieri IlSole24Ore) è ancora oggetto di verifiche e depositi tra i tecnici del ministero del Lavoro e il Mef, ma sul contenuto stanno già emergendo i primi problemi interni al governo. Tra i tecnici che seguono la pratica si pensa al riferimento solo al principio del calo del fatturato che rischia di escludere interi settori in difficoltà, filiere colpite dalla crisi come la ceramica o la moda. che durante la serrata potrebbero aver aumentato il proprio giro di affari perché avevano ordini di fuga e rischiano di trovarsi in grande difficoltà in autunno. La possibile soluzione? “Capisco le perplessità – afferma il Sottosegretario al Lavoro, Francesca Puglisi – potremmo evocare un mix di strumenti, tenendo conto del calo del fatturato nella prima metà dei codici Ateco nei settori più colpiti dalla crisi per non penalizzare le aziende in difficoltà “.

IV: posticipare il pagamento delle tasse autunnali

Sempre dalla IV, secondo il nuovo presidente della commissione finanze della Camera, Luigi Marattin “occorre una riflessione sulla congiunzione tra la proroga condizionale della Cig Covid e il blocco degli esuberi, è necessario ‘disporre dei dati sulla fatturazione elettronica per avere un quadro più chiaro. Nel Dl agosto IV intende introdurre misure su tre fronti: “per convogliare il risparmio privato verso le PMI, occorre rafforzare i piani di risparmio individuale, aumentando i limiti di investimento per le PMI. I PIR ordinari e alternativi e il fondo di garanzia andrebbero estesi anche alle imprese del Paese: andrebbe posticipato il terzo settore e il pagamento delle tasse autunnali, compreso il pagamento anticipato delle partite iva ”.

Dubbi sulla proroga dei licenziamenti fino alla fine dell’anno

L’altra questione su cui anche all’interno del governo ci sono forti dubbi è quella della nuova ipotesi di proroga al 31 dicembre del blocco della cassa integrazione, iniziato il 17 marzo e scaduto il 17 agosto. Guardiamo alle esperienze di altri paesi europei, come la Francia o la Germania, dove il divieto riguarda solo chi prende contributi pubblici. Il progetto contiene un’esenzione solo per i casi di fallimento o liquidazione con risoluzione. “Non è assicurato un equilibrio tra le scelte organizzative dell’azienda e l’articolo 41 della Costituzione – afferma Arturo Maresca (diritto del lavoro Sapienza Università di Roma) – le uniche esenzioni previste dalla bozza di decreto riguardano la chiusura totale della società per fallimento e non di parte della società quando non è più in grado di continuare la propria attività a causa di una riduzione degli ordini “.

Catalfo: più fondi per pensioni di invalidità

Ieri il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato che “con le misure in atto, soprattutto le sigarette, abbiamo impedito che la disoccupazione aumentasse” ben al di sopra dell’8,8% registrato dall’Istat. “La Bce ha detto che senza le misure la disoccupazione avrebbe raggiunto il 25%, la Spagna è al 15,3%”, ha aggiunto Catalfo, che ad agosto ha aperto l’estensione del reddito d’emergenza, assicurando che ” ci saranno fondi per aumentare le pensioni di invalidità a partire dai 18 anni, secondo i principi espressi dalla Corte Costituzionale ”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *