Itelyum investe 4 milioni per l’ambiente e la sicurezza

durevolezza

L’azienda, che ha sede a 30 km da Codogno grazie al riciclo di oli esausti, solventi e reflui chimici, ha contribuito a prevenire l’emissione di quasi 500.000 tonnellate di CO2

immagine di caricamento predefinita

L’azienda, che ha sede a 30 km da Codogno grazie al riciclo di oli esausti, solventi e reflui chimici, ha evitato l’emissione di quasi 500mila tonnellate di CO2

2 ‘letto

“La sostenibilità come chiave di volta per affrontare il futuro”. Questa è la password scelta da Itelyum, il più grande gruppo di economia circolare in Europa, creato dal fondo Stirling Square integrando 16 aziende attorno a Viscolube (azienda lodigiana prima in Europa nel riciclaggio dei lubrificanti) e Bitolea (azienda pavese prima in Europa nella depurazione dei solventi usati). Il gruppo mira a sviluppare le risorse secondo un modello economico circolare che estende il ciclo di vita dei prodotti. L’azienda gestisce e utilizza un milione di tonnellate di rifiuti speciali, con un indice di circolarità del 96%. L’azienda ha sede nel comune di Pieve Fissiraga, a 30 km da Codogno, dove il coronavirus ha colpito duramente la popolazione e le attività economiche.

È stata evitata l’emissione di quasi 500mila tonnellate di CO2

Nel rapporto sullo sviluppo sostenibile appena pubblicato nel 2019, Itelyum, attraverso il riciclo di oli usati, solventi e acque reflue chimiche, ha contribuito ad evitare l’emissione di quasi 500.000 tonnellate di CO2, lo scarico di più di mille tonnellate di inquinanti atmosferici. , il prelievo di quasi 15 milioni di m³ di acqua e il consumo di oltre 400 ettari di terreno.
“La ricetta che vi proponiamo – spiega Marco Codognola, amministratore delegato di Itelyum – è tecnologia e logica industriale, per consolidare la raccolta e il trattamento dei rifiuti speciali all’insegna della sostenibilità. Anche durante la crisi abbiamo fatto acquisizioni, perché per crescere perseguiamo ciò in cui crediamo: aggregare competenze e know-how, portare valore sostenibile alle filiere industriali in cui siamo inseriti. Possiamo dare un contributo importante all’economia circolare in Italia e anche in Europa, perché abbiamo dato importanti benchmark nel nostro settore ”.

Fatturato di 300 milioni

Dai dati emerge che Itelyum ha generato un fatturato di quasi 300 milioni di euro, con un EBITDA di oltre 58 milioni di euro, e un terzo degli investimenti – pari a 4 milioni di euro – è stato destinati all’ambiente, salute, sicurezza, qualità e ricerca. “Continuiamo a rigenerarci e ad affrontare le nuove sfide del mercato attraverso una continua innovazione – ha dichiarato Antonio Lazzarinetti, Presidente Esecutivo di Itelyum – e abbiamo anche affrontato l’emergenza sanitaria, con grande senso di responsabilità nei confronti dei territori in cui operiamo, in particolare i nostri servizi al settore farmaceutico. Siamo un solido riferimento a disposizione sul lento ma irreversibile processo di transizione verso economie sostenibili e circolari che interessa il nostro Paese e il mondo ”.

Nella prima metà ha acquisito tre società

Nella prima metà del 2020 sono state acquisite 3 nuove società nei principali distretti produttivi del centro-nord (Carbo-Nafta Ecologia, Idroclean, Intereco). La crescita dell’azienda, sottolinea l’azienda, “è accompagnata da un processo di innovazione, in particolare manageriale, con un accento sulla diversità e l’inclusione, che ha visto l’ingresso di nuove figure femminili, anche ai vertici. posizioni manageriali “.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *