Dal 2000, 14 delle 20 regioni hanno avuto solo presidenti uomini, 8 governatori in totale

la difficile parità di genere

Le donne conquistano sempre un seggio nelle torri elettorali con grande difficoltà. L’unica eccezione è stata l’Umbria, dove le ultime 5 presidenze erano donne

di Nicoletta Cottone

Regionale, Conte: il risultato del voto non inciderà sul governo

Le donne conquistano sempre un seggio nelle torri elettorali con grande difficoltà. L’unica eccezione è stata l’Umbria, dove le ultime 5 presidenze erano donne

4 ‘letto

Ciak, si vota in sette regioni: sei a statuto ordinario (Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto) e una a statuto speciale, Valle d’Aosta. Il 20 e il 21 settembre sono chiamati a votare per i regionali 18.473.922 cittadini (dati aggiornati al 10 settembre 2020), di cui 9.524.254 donne e 8.949.668 uomini. Le donne sono 574.586 in più dell’elettorato maschile. Più donne alle urne, quindi, come ad ogni elezione.

Il problema della rappresentanza femminile

Tuttavia, emerge sempre un problema con il voto, quello della rappresentanza politica femminile, poiché le donne conquistano un seggio con grande difficoltà alle elezioni. Ed è ancora più complesso diventare governatore, come testimonia il rapporto di Openpolis che, a pochi giorni dalle elezioni regionali, ha analizzato l’attuale presenza delle donne nei consigli del Paese e nei consigli regionali, alla luce delle misure di parità di genere. -donne allestite. nel 2016, con la legge n. 20. Tuttavia, è difficile attuare efficacemente le nuove disposizioni senza un cambiamento di cultura nel paese.

L’Italia torna in Europa sull’uguaglianza di genere in politica

Misure che non hanno avuto grandi effetti, se si considerano i dati del indice di uguaglianza di genere, che rileva i progressi verso la parità di genere nei paesi dell’UE, misurando la presenza delle donne nei governi, nei parlamenti e nelle assemblee regionali. L’indice associa l’Italia – segnala Openpolis – con un punteggio di 47,9 nell’area del “potere politico”. Un risultato inferiore alla media UE (55) e ai punteggi dei principali paesi europei: Francia (80,8), Germania (69,6) e Regno Unito (58,7). Nonostante i progressi compiuti, anche oggi i funzionari eletti si concentrano su un genere, quello degli uomini.

Tutti i cittadini di entrambi i sessi possono accedere alle cariche pubbliche e alle cariche elettive a parità di condizioni, secondo i requisiti stabiliti dalla legge

Articolo 51 della Costituzione

Solo due donne su 20 presidenti di governatori

Su 20 governatori, solo due donne siedono alla presidenza di una regione. Sono due governatori eletti con il sostegno del centrodestra: Jole Santelli, governatore della Calabria, sostenuto da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, presidente Jole Santelli, Udemocrazia Cristiana, Casa delle Libertà e Donatella Tesei, governatore del ‘Umbria, eletta con il sostegno di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Presidente Tesei, Umbria Civica.

Tre governatori in Umbria dal 2000

In Italia, dal 2000 ad oggi, 14 regioni su 20 avevano solo presidenti uomini. L’unica eccezione al femminile è rappresentata dalla regione Umbria che, dal 2000 ad oggi, ha avuto 5 presidenze femminili, con tre governatori: Maria Rita Lorenzetti, rappresentante dell’Ulivo, con Lorenzetti I dal 15 maggio 2000 al 7 aprile 2005 e con il Lorenzetti II dal 7 aprile 2005 al 16 aprile 2010; Catiuscia Marini du Pd con Marini I dal 16 aprile 2010 al 10 giugno 2015 e Marini II dal 10 giugno 2015 al 28 maggio 2019, chiusa dalle dimissioni del governatore; Donatella Tesei, giocatrice della Lega Nord, in carica dall’11 novembre 2019. La Valled’Aosta ha avuto tra le regioni da votare, dal 27 giugno al 10 dicembre 2018, una governatrice della Lega Nord, Nicoletta Spelgatti, poi la giunta crollato. In Friuli-Venezia Giulia il Governatore Deborah Serracchiani (Pd) è stato governato dal 25 aprile 2013 al 26 marzo 2018. Nel Lazio, sotto la presidenza di Renata Polverini (Pdl) dal 16 aprile 2010 al 12 marzo 2013, ha chiuso prematuramente con le sue dimissioni. In Piemonte Mercedes Bresso (Ds) dal 27 aprile 2005 al 9 aprile 2010. In Calabria l’attuale presidente Jole Santelli dal 15 febbraio 2020.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *