news1
Sun. Dec 6th, 2020

Aggiunta: Trionfa a Verona Da Carlo, dimesso da deputato a luglio per un riconteggio dei voti

due posti a Palazzo Madama

La partita per il supplemento premia il centrodestra con due seggi. Il nuovo senatore, sindaco di Calalzo di Cadore, è stato privato a luglio della carica di deputato per un riconteggio dei voti

di Nicoletta Cottone

Referendum e regionali: ecco le proiezioni

La partita per il supplemento premia il centrodestra con due seggi. Il nuovo senatore, sindaco di Calalzo di Cadore, è stato privato a luglio della carica di deputato per un riconteggio dei voti

2 ‘letto

Un seggio dei Pentastellati, l’altro dei Fratelli d’Italia. La partita per il supplemento premia il centrodestra con due sedie. E riporta in Parlamento Luca De Carlo, mercante e sindaco di Calalzo di Cadore (Belluno), al Senato anziché alla Camera. In particolare, la storia parlamentare di De Carlo, eletto deputato alla Camera nelle politiche del 2018 nella circoscrizione del Veneto 1. La doccia fredda, in data 1 luglio 2020. Un conte della circoscrizione del Veneto 1, aveva assegnato il suo seggio al Il leghista Giuseppe Paolin. E così il 5 agosto 2020 De Carlo ha ufficialmente cessato il suo mandato parlamentare.

Netta vittoria con il 69% dei voti

Adesso la netta vittoria ottenuta a Verona, nell’ulteriore elezione del collegio unipersonale Veneto 9 al Senato. Il voto si è reso necessario per la sostituzione del senatore Stefano Bertacco dei Fratelli d’Italia, deceduto a 57 anni il 14 giugno, schiacciato in sei mesi da una malattia incurabile. Il collegio comprende 53 comuni della regione della Véronèse, da Villafranca (la più popolosa della provincia di Scaligera, con più di 33.000 abitanti) alla regione del Baldo-Garda, compresa tutta la pianura. De Carlo ha ottenuto 5.012 preferenze, pari al 69,62% dei voti totali. E ha battuto nettamente Matteo Melotti, consigliere comunale al Partito Democratico di Villafranca, che ha ottenuto 1.487 voti, pari al 20,66%, ed Emanuele Sterzi del Movimento 5 Stelle che ha ottenuto 700 voti, pari al 9,72%. Il 19 agosto 2020 De Carlo aveva ufficializzato la sua candidatura a sostituti per Veneto – Collegio uninominale 09 per il Senato. E ora è senatore.

In Sardegna vince Carlo Doria

In Sardegna la sede di senatore per il supplemento del collegio del Senato del nord Sardegna è andata a Carlo Doria, che ha battuto tre sfidanti raccogliendo 31.985 voti (40,07%). Professore universitario di Sassari e capo di ortopedia, Doria è stato sostenuto dalla coalizione di centrodestra (Lega, Fdi, Forza Italia) che governa la Regione. La sua candidatura è stata sostenuta dal governatore Christian Solinas. Entrerà in Senato nella sede lasciata dalla compianta Vittoria Bogo Deledda, senatrice del Movimento Cinque Stelle, morta lo scorso marzo dopo aver combattuto per due anni contro un tumore. Doria ha battuto Lorenzo Corda, presidente dell’Ordine degli Ingegneri provinciale, candidato di M5, Pd, Leu, progressisti, Centro Democratico e Demos, che ha raccolto 23.161 voti (29,02%), ha superato Agostinangelo Marras, avvocato penalista con Italia Viva, Italia in Comune, Più Europa e Partito Liberale, che ha ottenuto 19.832 voti (24,85%) e Gian Mario Salis del Partito Socialista Italiano, che ha ottenuto 4.839 voti (6,06%).