news1
Sat. Dec 5th, 2020

Coronavirus, ecco cosa puoi e non puoi fare in Lombardia

notizia

Dal coprifuoco notturno ai centri commerciali chiusi nei fine settimana, dal rilevamento obbligatorio della febbre all’ingresso degli stabilimenti di gestione di alimenti e bevande all’apprendimento a distanza nelle scuole superiori

di Nicoletta Cottone

Coronavirus, ecco le nuove regole Dpcm il 18 ottobre

Dal coprifuoco notturno ai centri commerciali chiusi nei fine settimana, dal rilevamento obbligatorio della febbre all’ingresso degli stabilimenti per la gestione di alimenti e bevande all’istruzione a distanza nelle scuole superiori

4 ‘letto

Coprifuoco notturno, centri commerciali chiusi nei fine settimana, rilevamento obbligatorio della febbre all’ingresso dei negozi di cibo e bevande, istruzione a distanza nelle scuole superiori. Di seguito, con una serie di domande e risposte, che offrono una sintesi delle misure adottate in Lombardia con il decreto del 21 ottobre firmato dal Governatore Attilio Fontana, operativo dal 22 ottobre al 16 novembre. Le regole sono valide nel territorio della Regione Lombardia.

I centri commerciali sono aperti nei fine settimana?

No, l’ordinanza Lombardia prevede che le grandi strutture di vendita ei punti vendita nei centri commerciali rimangano chiusi il sabato e la domenica. Questa disposizione non si applica alla vendita di alimenti, alimenti e prodotti per animali domestici, cosmetici e prodotti per l’igiene personale, prodotti per l’igiene domestica, piante e fiori e prodotti accessori associati. Non si applica a farmacie, farmacie, tabaccherie e dettaglianti monopolistici.

Caricamento in corso…

Ho un ristorante con consumo a tavola, che orari devo rispettare

Le attività dei punti vendita di cibo e bevande in spazi pubblici o privati ​​- bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, rosticcerie, pizzerie, chioschi, bar mobili – possono operare dalle ore 5:00 alle ore 23:00, se richiedono un consumo a tavola, con un massimo di sei persone per tavolo. L’ordinanza specifica che i partner conviventi e i genitori non sono inclusi in questo numero. Ciò significa che più di sei possono essere allo stesso tavolo se sono coniugi o conviventi di diritto comune. Ciò significa che è consentita una famiglia più numerosa di sei persone, ad esempio con cinque figli, padre e madre, sette in totale. Gli stessi negozi possono rimanere aperti fino alle 18 in assenza di consumo a tavola. Quando gli esercizi pubblici chiudono all’orario stabilito, qualsiasi amministrazione ai proprietari presenti deve cessare e i locali devono essere sgombrati.

È obbligatorio misurare la temperatura corporea nei locali?

La rilevazione della temperatura corporea dei clienti è obbligatoria, in caso di accesso a qualsiasi tipo di esercizio per la somministrazione di cibi e bevande.

Posso bere qualcosa fuori?

La nuova ordinanza vieta il consumo di bevande nelle aree aperte al pubblico dalle 6 alle 5. È ancora vietato consumare bevande alcoliche di qualsiasi tipo negli spazi pubblici, inclusi parchi, giardini e ville aperte al pubblico. . I sindaci possono adottare altre misure restrittive, anche in relazione al divieto assoluto di prelievo, e devono assicurare la massima collaborazione nel controllo del rispetto delle misure.